logo dell'ordine dei medici della Provincia di Gorizia
Home >
In primo piano

CERTIFICATI PER L'ATTIVITA' SPORTIVA NON AGONISTICA: LE LINEE GUIDA 

Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha firmato il decreto 8 agosto 2014 con “Linee guida di indirizzo in materia di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica”.
Il documento fa chiarezza proprio all’inizio dei corsi e delle attività parascolastiche sulla definizione di attività sportiva non agonistica e dunque su chi deve fare i certificati, quali sono i medici certificatori, la periodicità dei controlli e la validità del certificato, gli esami clinici.
Disciplina infine per i medici il facsimile di certificato e definisce gli obblighi di conservazione della documentazione.
Le linee guida non si applicano all’attività ludica e amatoriale, per le quali il certificato resta facoltativo e non obbligatorio, come stabilito dal Decreto legge 69 del 2013 e confermato da una nota interpretativa del Ministero della Salute.

Riportiamo di seguito le linee guida e la nota interpretativa del Ministero


LETTERA DEL PRESIDENTE FNOMCEO AGLI ISCRITTI:

Riportiamo di seguito la lettera che il Presidente Bianco ha rivolto a tutti gli Iscritti in vista del rinnovo degli Organi Istituzionali per il triennio 2015-2017.


CASSAZIONE AGLI ENTI PREVIDENZIALI: ILLEGITTIMO TOCCARE I MONTANTI DEGLI ISCRITTI. 

ENPAM: E' SEMPRE STATO RISPETTATO IL PRO-RATA

«L’Enpam ha sempre rispettato il “pro-rata”. Con la recente riforma, la parte di pensione maturata dagli iscritti fino a tutto il 2012 verrà calcolata con i vecchi criteri senza toccare quanto assegnato prima del 2013. I contribuenti possono stare tranquilli». E’ la risposta proveniente dalla Fondazione previdenziale di medici chirurghi e odontoiatri dopo la recente ordinanza 18742 della Cassazione (VI Sezione) che ha dichiarato illegittimo il ricalcolo delle pensioni degli iscritti operato nel 2002 con delibera da un’altra Cassa privatizzata, quella dei ragionieri. L’indirizzo della Suprema Corte, si è osservato, potrebbe portare gravi danni patrimoniali –pari a fino a un 10% degli oltre 6 miliardi di euro del patrimonio di tutti gli enti previdenziali- alle casse private che, per tenere in equilibrio i bilanci futuri, decisero a inizio secolo riforme degli assegni pensionistici. L’Enpam non è tra queste casse.
Con la legge 335/1995 (“Dini”) fu imposto il passaggio dal più conveniente calcolo retributivo della pensione, slegato dalla contribuzione conferita dal lavoratore negli anni, a quello contributivo legato unicamente a quest’ultima. La prima riforma, all’Inps, rispettò la regola secondo cui i castelletti accumulati dai singoli ante-96 erano intoccabili e anzi diede margini temporali ampi per far rispettare il diritto al vecchio calcolo. Si creò un calcolo misto, detto “pro rata”: anni conteggiati con metodo retributivo ed altri con il contributivo. In alcune casse il risveglio fu più brusco. Nel 2002 di punto in bianco ragionieri che attendevano una pensione calibrata sui migliori 15 anni lavorati si sono visti ricalcolare l’assegno atteso al ribasso, sulla media di tutta la vita lavorativa, con un criterio che intaccava la pensione acquisita. In realtà per la Cassazione ciò si può fare solo dal 2006 con la legge 296, che introduce il cosiddetto “pro rata temperato”: solo da allora e non dal ‘96 la salvaguardia dei calcoli fatti sulle pensioni maturate dai singoli ante-riforma Dini è solo un parametro e non un vincolo.
Un argomento della Cassa ragionieri è che la legge di stabilità 2014 (art 1 comma 88) ritiene legittime ed efficaci delibere sul ricalcolo delle pensioni “finalizzate ad assicurare l’equilibrio di lungo termine” delle casse; ma per la Cassazione la legge del ’95 non poteva prevedere le intenzioni del legislatore nel 2014. «La Corte ribadisce che il principio dell’intangibilità dei diritti acquisiti dai contribuenti è universale - dice il vicepresidente della Federazione sanitari pensionati Federspev Marco Perelli Ercolini- e vale anche quando i governi immaginano di stangare i pensionati con penalizzazioni e balzelli non previsti per altre categorie».
Mauro Miserendino 
 

 

 

 

AGGIORNAMENTO DELLE MALATTIE PER LE QUALI E' OBBLIGATORIA LA DENUNCIA. 

 Riportiamo in allegato la Comunicazione n. 80 della FNOMCeO sul tema.

 L'EVOLUZIONE DEL SISTEMA ECM - IL DOSSIER FORMATIVO

Riportiamo di seguito le relazioni del Convegno sull'ECM tenutosi a Trieste in data 6 settembre 2014.


Diritto Sanitario

CORTE DI CASSAZIONE - PENALE - Colpa medica: condotta negligente del medico. 

La nuova previsione del decreto Balduzzi che incentra sulla colpa lieve del sanitario un'ipotesi che ne esclude la responsabilità penale trova applicazione solo per i comportamenti imperiti e non anche per quelli negligenti (sentenza nr. 36347/14).
FATTO: 1. La mattina del ---- T.C. rimase coinvolto in un sinistro stradale nel quale riportò gravi lesioni da politrauma. Giunto alle ore 10,06 presso l'ospedale ----, il T. venne sottoposto dal medico di guardia, Dott. F., ad una prima visita sommaria e ad un'ecografia che individuò un possibile pneumotorace a destra, in concordanza con quanto già rilevato dal medico del 118 che aveva eseguito un primo soccorso in strada. Vennero richieste alcune consulenze specialistiche ed esami strumentali, tra le quali anche la consulenza rianimatoria della dottoressa C., medico anestesista, e la consulenza chirurgica del dr. P.. Quest'ultimo diagnosticò la presenza di un enfisema sottocutaneo della parete laterale dell'emitorace destro, sicché venne eseguita una radiografia urgente del torace, che confermò la diagnosi, evidenziando l'iniziale deviazione a sinistra del mediastino, in assenza di falde di pneumotorace nei segni di contusione polmonare. Il T. venne quindi trasferito presso il locale CTO per l'esecuzione di una Tac, accompagnato dalla dr.ssa C..Nell'esecuzione dell'esame il T. ebbe un primo e poi un secondo arresto cardiaco, letale, che i successivi accertamenti hanno posto in relazione causale con un pneumotorace iperteso insorto quando il paziente si trovava presso il CTO. 2. Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di appello di Cagliari ha confermato la pronuncia emessa dal Tribunale di Cagliari, sezione distaccata di Iglesias, con la quale la C. è stata giudicata responsabile del decesso del T..Secondo il giudizio concorde dei giudici di merito, la condotta della C. fu conforme alle legis artis e a regole di generica prudenza, diligenza e perizia sin quando il paziente era stato presso l'ospedale (OMISSIS). All'inverso, durante la successiva permanenza presso il CTO, la dr.ssa C. aveva omesso di effettuare una tempestiva diagnosi di pneumotorace iperteso e di eseguire delle semplici manovre terapeutiche, quali l'introduzione di un tubo di drenaggio, che sarebbero valse a salvare il T., così cagionandone la morte. Conclusivamente alla C. si è ascritto di aver sottovalutato la gravità della situazione, omettendo negligentemente di considerare i dati convergenti verso l'insorgenza di un pneumotorace iperteso.
DIRITTO: La Corte di Appello ha ritenuto che non possa trovare applicazione al caso in esame la novella legislativa introdotta dal decreto Balduzzi perché ricorrente un comportamento negligente, mentre le linee guida di cui alla ricordata normativa contengono solo regole di perizia. La Corte di Cassazione ha rilevato che correttamente, quindi, la Corte di Appello ha precisato che il comportamento ascritto alla C. va ascritto al novero delle condotte negligenti e pertanto non vi è luogo all'applicazione dell’art. 3 del decreto Balduzzi (D.L. 13 settembre 2012, n. 158, art. 3 - conv. in L. 8 novembre 2012, n. 189). La nuova previsione, per contro, incentra sulla colpa lieve del sanitario un'ipotesi che ne esclude la responsabilità penale; ma - secondo la puntualizzazione già operata da questa Corte - solo per i comportamenti imperiti e non anche per quelli negligenti (Sez. 4, n. 11493 del 24/01/2013 - dep. 11/03/2013, Pagano, Rv. 254756). Sicché, non è possibile, oggi, richiamare la linea interpretativa espressa ad esempio dalla sentenza Di Lella, pretendendo di conseguire in forza di questa gli effetti previsti dal c.d. D.L. Balduzzi senza che sussistano tutti gli elementi della fattispecie delineata dal legislatore.

TAR DEL LAZIO: Legittima l'applicazione degli studi di settore anche ai MMG

SENTENZA N. 9339/14
FATTO: L’Agenzia delle Entrate ha incluso con diversi provvedimenti nel meccanismo degli studi di settore anche la categoria dei medici di medicina generale, imponendo agli stessi accertamenti ed adempimenti di natura tributaria. La F.I.M.M.G. - Federazione Italiana Medici e di Medicina Generale - quale ricorrente rileva che gli studi di settore non sarebbero applicabili alla categoria dei medici di medicina generale, in quanto gli stessi hanno stipulato una convenzione nazionale che regola, ai sensi dell'art. 8, comma 1, del decreto legislativo 30.12.1999 n. 502 il rapporto di lavoro autonomo, continuativo e coordinato che si instaura tra le Aziende Unità Sanitarie locali e i medici di medicina generale, per lo svolgimento dei compiti e delle attività relativi ai settori di:
a) assistenza primaria di medicina generale;
b) continuità assistenziale;
c) attività territoriali programmate. Tale convenzione vincolerebbe i medici di medicina generale, che sarebbero soggetti alle regole dettate dal Servizio Sanitario Nazionale (per quanto concerne il numero di pazienti da assistere, per i compensi. per le ore di lavoro, per le ferie, ecc.), per cui essi non svolgerebbero un’attività libero professionale autonoma, svincolata da direttive o limitazioni imposte dalla suddetta convenzione con il Servizio sanitario nazionale. L’Agenzia delle Entrate e il Ministero dell'Economia e delle Finanze si sono costituiti in giudizio con atto formale.
DIRITTO: Il Collegio ha rilevato che la particolare natura del rapporto che lega i medici di medicina generale, nonostante la sua pervasività, per come dedotto dalla federazione ricorrente, non può escludere la possibilità che tali professionisti possano comunque percepire, nell’esercizio della loro attività, redditi diversi da quelli elargiti dal Sistema Sanitario Nazionale. La stessa Federazione ammette, invero, che i medici da essa rappresentati sono “formalmente autonomi professionisti” che svolgono la loro attività per il servizio sanitario nazionale. Gli stretti vincoli che limitano l’attività dei medici di medicina generale del S.S.N., tuttavia, non giungono ad impedire che gli stessi possano svolgere anche un’attività libero professionale, che come tale può essere assoggetta al meccanismo degli studi di settore. Né l’esiguità dei compensi percepiti da tale categoria di professionisti, dedotta dalla ricorrente, può giustificare un esonero dalla disciplina in questione. Anche laddove i compensi percepiti dal SSN raggiungessero la quota del 90% del reddito dei professionisti, indicata dalla istante, ciò comunque non impedirebbe di ritenere legittima l’applicazione per la restante parte del meccanismo degli studi di settore, posto che essi non dipendono dalla quota di provenienza dei redditi, ma dalla natura di lavoratori autonomi dei medici del S.S.N.-.Le censure di parte ricorrente, quindi, non appaiono idonee a ritenere l’illegittimità della applicazione degli studi di settore ai medici di medicina generale).

CORTE DI CASSAZIONE -SEZ. LAVORO: Personale sanitario. Indennità di rischio radiologico

SENTENZA N. 17757/14
Va riconosciuta l’indennità di rischio radiologico al personale medico che in funzione dell’attività espletata si venga a trovare in maniera continuativa e non occasionale a contatto con fonti radioattive.
FATTO: Con sentenza del 14 gennaio 2008 la Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza del Tribunale, ha accertato il diritto di --- e degli altri litisconsorti, tutti dipendenti dell'Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento di cui alcuni medici chirurghi plastici della mano ed altri medici ortopedici, a percepire l'indennità di rischio radiologico a decorrere dal 1 luglio 1998 nonché ad usufruire delle ferie cosiddette biologiche nella misura dovuta per il periodo dal 1 luglio 1998 al 31 dicembre 2004, con conseguente condanna dell'Azienda Ospedaliera a corrispondere le somme indicate a lato di ciascuno dei ricorrenti. La Corte territoriale, richiamata la normativa anche contrattuale applicabile, ha rilevato che il c.t.u. pur avendo rilevato che i ricorrenti operavano in modo continuativo nella zona controllata, aveva ritenuto che la frequentazione anche continuativa di tale zona non era di per sé indice di esposizione al rischio ed aveva concluso che i ricorrenti erano esposti al rischio, ma in modo non continuativo e solo occasionale.Secondo la Corte, invece, i ricorrenti, medici chirurghi professionalmente impegnati nella loro specifica funzione avvicendandosi nelle sale operatorie secondo turni prestabiliti, esposti ad un rischio radiologico per una percentuale di casi che poteva assumere incidenza rilevante e con il possibile superamento dei valori soglia, non potevano essere considerati frequentatori occasionali delle zone controllate e che in tale situazione si sarebbero potuti trovare soltanto coloro che saltuariamente erano chiamati da altri reparti per effettuare le medesime prestazioni mediche.Secondo la Corte pertanto l'esposizione cui erano sottoposti i ricorrenti doveva ritenersi permanente o continuativa e non solo occasionale così come del resto aveva concluso altro consulente e in un'altra causa per colleghi degli odierni ricorrenti che operavano nella medesima struttura.Avverso la sentenza ricorre in cassazione l'Azienda Ospedaliera formulando 5 motivi. Resistono i medici depositando controricorso.
DIRITTO: La Corte di Cassazione ha rilevato che la nozione di rischio radiologico, presupponendo la condizione dell'effettiva esposizione al rischio connesso all'esercizio non occasionale, né temporaneo di determinate mansioni, può essere riconosciuto, indipendentemente dalla qualifica rivestita, in relazione alle peculiari posizioni di quei lavoratori che si trovano esposti, per intensità e continuità, a quello normalmente sostenuto dal personale di radiologia. Spetta al giudice di merito accertare la sussistenza di tali condizioni ed il relativo accertamento, se correttamente motivato, resta esente dal sindacato di legittimità (cfr Cass. n 4525/2011 avente ad oggetto l'accertamento dell'esposizione al rischio di medici colleghi dei controricorrenti svolgenti identiche mansioni). Secondo la Corte il c.t.u., tuttavia, non aveva considerato ulteriori elementi di valutazione ai fini dell'accertamento dell'intensità quantitativa e qualitativa dell'esposizione al rischio e che cioè "a differenza dei chirurghi generici gli specialisti ortopedici o della mano, dovendo talora ricorrere nel corso degli interventi ad un esame diretto sotto radiografia per i loro interventi, non potevano certo indossare i pesanti abiti di protezione, che gli avrebbero ostacolati, e non potevano allontanarsi dal paziente, né munirsi dell'apposito anello rivelatore dell'intensità delle radiazioni assorbite" restando in tal modo, nei momenti in cui operavano senza potersi avvalere dei dispositivi di protezione cui facevano ricorso gli altri medici esposti pacificamente alle radiazioni).

Area formativa

CORSO: UTILIZZO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER

Il corso si terrà giovedì 25 settembre 2014 dalle ore 14.30 alle ore 18.30 presso la Sala della Formazione della Sicurezza - via Vittorio Veneto 171 Gorizia. L'evento è accreditato ECM ed è rivolto a tutto il personale (medici, infermieri, colleghi medici che effettuano le sostituzioni) in funzione del livello di esposizione al rischio da radiazioni ottiche (laser). Per ulteriori informazioni consultare il Dr Giulio Tamburlini (giulio.tamburlini@ass2.sanita.fvg.it). 

INCONTRO DI SENSIBILIZZAZIONE SUL FENOMENO DELLA VIOLENZA ALLE DONNE IN FAMIGLIA E AL LAVORO
l'Incontro promosso dalla Provincia di Gorizia in collaborazione con il Comune di Romans e le associazioni femminili di volontariato SOS Rosa ONLUS e da donna a DONNA ONLUS si terrà mercoledì 24 settembre alle ore 20.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Romans.

INCONTRI ODONTOIATRICI QUINDICINALI DI FORMAZIONE SUL CAMPO
Il prossimo incontro in materia medico legale con la Dott.ssa Romina Perossa, medico legale, si terrà il 9 ottobre 2014 al San Giovanni di Dio presso la saletta di Radiologia. Verranno affrontate molte tematiche medico legali come consenso alle cure in generale,consenso per paziente interdetto ,consenso per minore... .
Inoltre la dottoressa Perossa presentera " il consenso informato aziendale ufficiale " per i pazienti che stanno assumendo o che dovranno assumere farmaci come i"Bifosfonati" (sia per la terapia dell' Osteoporosi che per le Malattie Neoplastiche .
Il punto cardine e' che i pazienti che debbono sottoporsi a cure odontoiatriche, in elezione o in urgenza, debbono essere debitamente informati sulle possibilità di eventuali rischi di osteonecrosi dei mascellari.
Ci sarà poi una breve esposizione da parte della dott.ssa Sfiligoi (referente su tale problematica) di alcuni casi clinici trattati presso la nostra struttura e sui protocolli adottati nella affronto di tale patologia. L'incontro si concluderà con la presentazione della brochure informativa fatta dall'Azienda per i pazienti di cui si prega di darne larga diffusione .

In data 23 ottobre 2014 si terrà l'incontro con il Dr Paolo Cappelletto in tema di anestesia generale e sedazione dei pazienti, anche di quelli con severe problematiche generali, sia adulti che pediatrici.

Per ulteriori informazioni contattare il Dr Giulio Tamburlini (giulio.tamburlini@ass2.sanita.fvg.it).  

MEDICI SENTINELLA PER L'AMBIENTE A TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI
Il Convegno organizzato dalla FNOMCeO in collaborazione con l'Ordine dei Medici di Udine si terrà il 17 e 18 ottobre 2014 presso il Salone del Parlamento - Castello di Udine.

5° Corso Interregionale medico-infermieristico di Neurologia:

LE TERAPIE DELLE MALATTIE NEUROLOGICHE IN FASE DI ESITO ED IN FASE CRONICA.


Il convegno si terrà a Gorizia venerdì 17 ottobre 2014 dalle ore 8.30 presso il palazzo Attems.

E' stata anticipata la GUARDIA MEDICA da sabato 18 a venerdì 17 ottobre per poter consentire ai MMG di parteciparvi.

Eventi

CUORE, RENE, POLMONE E DEVICES. DALLA SCOMPENSO AL COMPENSO, DALL’OSPEDALE AL TERRITORIO
(Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, via Carducci, 2 Gorizia., 13 novembre 2014 )
RISCHIO BIOLOGICO E LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO IN ODONTOIATRIA – LA SALUTE ORALE NELLA RICERCA DELL’ECCELLENZA.
(Palazzo del Castello, Udine, 7 e 8 novembre 2014 )
SALUTE E COMUNICAZIONE IN MEDICINA: IL RUOLO DELLA MEDIAZIONE TRANSCULTURALE, ESPERIENZE E PROGETTI
(sala conferenze dell'OMCeO di Udine, Viale Diaz, 30, 29 ottobre 2014 )
IL PASSAGGIO GENERAZIONALE E LA PROTEZIONE DEL TERRITORIO. QUALE APPROCCIO ADOTTARE PER AFFRONTARE SCELTE E DECISIONI CHE POSSONO CONDIZIONARE IL NOSTRO FUTURO.
(Udine presso il Centro Culturale delle Grazie, via Pracchiuso, 21, 25 ottobre 2014 )
LE TERAPIE DELLE MALATTIE NEUROLOGICHE IN FASE DI ESITO ED IN FASE CRONICA.
(Palazzo Attems Gorizia, 17 ottobre 2014 dalle ore 8.30 )

Bollettini

cop_2_2012

Bollettino 2/2012

Consulta o scarica il Bollettino n. 2 del 2012

cop_1_2012

Bollettino 1/2012

Consulta o scarica il Bollettino n. 1 del 2012

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter dell'Ordine dei Medici e Chirurghi della Provincia di Gorizia

Inserisci il tuo indirzzo mail
Via Brigata Casale, 19/B - Gorizia
Tel. +39 0481 531440
Fax +39 0481 534993
Codice Fiscale: 80000150310

Ricerca medico

 


medici competenti lavoro

PSICOTERAPEUTI

Richiedi la tua PEC

Richiedi il codice convenzione